sabato 10 maggio 2014

Polvere Di Stelle- Almanacco Di Maggio

Maggio deriva probabilmente da Maia, antica Dea della mitologia della romana della fecondità e fertilità, figlia di Atlante e Pleione, facente parte quindi delle Pleiadi, era madre di Hermes-Mercurio e di Vulcano di cui era anche moglie. Ogni anno il suo sposo, al primo di Maggio, le donava, attraverso i riti dei suoi sacerdoti, una scrofa in stato di attesa. Maia racchiude in sè la forza distruttiva e quella benefica
del fuoco. La figura di Maia,presenta la radice Ma (madre-madonna-maria-mamma ecc...) e  venne sostiuita dalla Madonna, cui questo mese è dedicato



Il 5 simboleggia la vita, la volontà e la genialità. I Sensi sono cinque e nella raffigurazione leonardesca, l' uomo si sovrappone alla stella a cinque punte.
Di grande importanza per tutti i popoli,diventa protagonista in alcuni sistemi di numerazione,tanto che a volte viene rappresentato come simbolo speciale.Per i numeri romani era un V e per  i Maya era una barra invece  di  pallini.
Per gli Indù è il numero di Shiva,spesso rappresentato con 5 volti, senza dimenticare i 4 elementi,acqua,terra fuoco e aria, con l' etere, lo spirito, il quinto elemento.

La Luna piena di Maggio è detta della coppia ed è una luna da dedicare proprio al nostro rapporto di coppia, naturalmente se si è soli si può festeggiare benissimo e trarne molti benefici, infatti questa è la luna della gioia ! I fiori sono ancora una volta al centro delle nostre attenzioni e a tavola non mancheranno. Tra i cibi da preferire il latte, il miele e le fragole.
La luna è detta anche luminosa o dei fuochi e la luce di candele rosa e verdi non mancheranno a illuminare le nostre serate.

Mia nonna usava raccogliere al primo maggio la rugiada per rendere bella la pelle ma usava anche farlo alla luna piena di maggio. Lei non era di molte parole ma sapeva molte cose.
L' acqua piovana la raccoglieva e la filtrava poi la notte di Santa Rita (e lei si chiamava proprio Rita) la metteva alla luce della luna.
La mattina successiva ci si lavava il viso con lo scopo di purificarsi e mantenere una buona salute.

La rugiada raccolta il primo maggio era considerata un acqua celeste che conteneva in sè un energia particolare..un dono degli spiriti dell' universo che con questo liquido celestiale beneficavano le donne apportando loro bellezza e giovinezza qualora se ne fossero servite per lavarsi la mattina di Beltane.


Cosa mettevano nel calderone le streghe a Beltane? 

Pasta di cacao e miele assieme a olio di seme
polline dorato
fiore di verbena e rosa profumato
aggiunger poca di quella rara rugiada
raccolta al' alba della giornata fatata
tutto unito a sedano e sementi
per crear il magico unguento
che renderà la strega
affascinante e conturbante...

(Strega Fata degli incanti)

Nella mattina del primo maggio, allo sguardo della Dea si raccoglie la rugiada, essa rende bella e feconda ogni donzella...
Mia nonna era veramente bella e usava questa acqua per mantenersi tale. ma la pozione delle streghe racconta di un antico unguento da crearsi per essere una strega irresistibile.
L' unguento era racchiuso nella filastrocca di cui sopra, antico tesoro delle donne che avevano a Beltane uno spazio magico segreto rituale solo per loro...




Nessun commento:

Posta un commento