mercoledì 17 luglio 2013

Lammas

Lammas è un momento di ringraziamento e di ciò che abbiamo “seminato ” nei Sabba precedenti: è il momento di coglierne il frutto.Il grano e gli altri cereali sono sacri in questi 3 giorni , così dicasi per la frutta ,in modo particolare i mirtilli, tanto che dall’ abbondanza dei loro frutti si deduceva quanto sia  ricco il raccolto dell’ intero anno.La divinità di questa festa è Lugh, Dio del sole che sta andando verso il sonno profondo con l’ arrivo dell’ autunno.Ma è un sole comunque ancora caldo, fonte di luce che non rappresenta solo il clima della bella stagione ma richiama anche all’ illuminazione interiore, alla potenza e lucidità della mente e dello spirito umano.Il Dio si sacrifica per mantenere in equilibrio l’ eterno ciclo della vita e della morte, la ruota dell’ anno.La terra ci offre i suoi frutti, sacrificati per generare nutrimento, così il Dio si imola.E’ tradizione offrire del pane alle erbe e nutrirsi con esso a immagine del sacrificio del Dio.   



Ma ogni dono va ringraziato.. riconosciamo anche in questa epoca moderna il valore dei frutti della terra e  omaggiamo l’ universo bruciando una candela arancio sopra una pietra e ai suoi piedi mettiamo piccoli doni: un pezzetto del pane da noi preparato, un pò di miele e alcuni ciottoli di fiume.. tanti quanti sono i nostri motivi di ringraziamento..ogni ciottolino equivale a un grazie.Finito di bruciare la candela offriamo il cibo e i suoi resti alla natura mentre i ciottolini li possiamo tenere in un sacchettino arancio o in contenitore di vetro.Spesso , durante i prossimi mesi li useremo per ringraziare… ne potremo portare uno in tasca o in borsa per rammentarci di ringraziare spesso l’ universo.

                                      Lammas è il momento per meditare e trarre l’ energia vitale utile per ritrovare calma ed equilibrio ma anche per porre fine a situazioni e relazioni stagnanti.E’ il momento per purificare tutte le situazioni della nostra vita e ricominciare storie d’ amore interrotte.. è il momento delle unioni e dei matrimoni.L’ ideale sarebbe  passare una notte con il nostro amore in un luogo romantico, circondati dalla natura e dai fiori..non sempre ciò è possibile ovviamente .. ma i questi giorni possiamo comunque circondarci di fiori e profumi, immergerci col nostro amore in una vasca alla luce delle candele (usare precauzione e i dovuti accorgimenti) circondati da incensi profumati.           
La tavola sarà apparecchiata con tovaglie e tovaglioli arancio, arricchita con composizioni di grano e cereali , cestini di frutta e verdura (mele, zucchine ecc…) al pane saranno aggiunte erbe come origano e basilico.Come piatti affidarsi alla fantasia e ai gusti personali dando preferenza a cibi con menta e ortica, mirtilli e more. Le candele verdi, arancio e gialle: si onorano Demetra, Cerere, Lugh e tutte le divinità legate alla Madre Terra e all’ agricoltura.
Antiche musiche possono accompagnare in modo sacro la  nostra cena e tra le varie usanze sarà utile purificare con bacche di ginepro o ortica,portare con sè un rametto di alloro o tiglio o rosmarino.Scrivete i vostri desideri su foglie di granoturco e bruciateli in un falò . Scrivete anche tutto ciò che volete allontanare e affidatelo alle acque del fiume legato a un sassolino con l’ intento  che come si consumerà quell’ offerta così se ne andrà ciò che volete allontanare (mi raccomando alle richieste), allo stesso fiume offrite fiori addolcendo le sue acque con il dono che giungerà agli Dei si addolcirà la vostra vita…Buon Lammas a tutti!

Nessun commento:

Posta un commento