sabato 13 luglio 2013

Dea Madre

Solo un tiepido raggio di sole accompagna il mio cammino,
i miei passi sono segnati dal fruscio delle foglie  che gli alberi hanno donato alla terra,
tenero giaciglio che invita la natura al riposo.
Sotto quel morbido tappeto,ormai umido dalle prime brume autunnali ferve la vita e giace coricata la Dea.
Nelle viscere del sottosuolo è il suo riposo in attesa della primavera che è simbolo di vita,eppure, madre amorevole, sempre pronta a soccorrere i figli suoi…
Della luna è solo una sottile falce,
il suo viso è segnato,
il suo seno ravvinzito…eppure nel momento che segna l’ età definita più triste
essa ci dona la saggezza..

Ci inebria  del sapere
ci invita alla meditazione..
e mentre cogliamo il frutto della conoscenza,
più splendida che mai ci regala i colori dell’ autunno,
i primi brividi,
la gioia della pioggia sul nostro viso.
Ascoltando la natura e gli odori del bosco,
immersi nel silenzio vediamo la felicità riflessa su ogni goccia..
e in questa ritroviamo la maestosità della Dea i cui seni sono di nuovo rigogliosi e fecondi
l cui viso è di nuovo perfezione.
(Strega fata degli incanti).

Nessun commento:

Posta un commento