sabato 15 giugno 2013

Credere Alle Fate...

U  
Una strega di antiche tradizioni mi ha raccontato di non vergognarmi mai nel credere nell esistenza delle fate e delle creature dei boschi.Mi ha detto del loro carattere e della loro permalosità… vivendo nelle foreste e in mezzo alla natura queste creature amano gli esseri che la popolano… guai a non rispettare l’ ambiente o gli animali.. i loro boschi sacri e i loro spazi… Il loro aspetto varia sia nei colori che nelle dimensioni .. ma vivono tutte in un mondo parallelo a cui ogni tanto anche all’ uomo comune è permesso di affacciarsi.Hanno il loro habitat negli elementi naturali dei boschi che però rendono splendidi con la loro magia…Esse gradiscono doni ed offerte quali miele e dolci,specie nelle festività dedicate ai solstizi e agli equinozi,nonchè alle feste dedicate alla natura… le loro piante preferite sono biancospino, sambuco ed erica ma ogni elemento naturale è presieduto da un’ entità che lo vive.Se temete di aver fatto arrabbiare una fata potete “addorcirla” ponendo un panino sulla Bibbia, suonando una campanella d’ argento e mettendo dei doni  sul davanzale….Esse assumono l’ aspetto che desiderano secondo la circostanza ma poichè si nutrono dell’ energia  proveniente dalla natura stessa ne assumono all’ origine le caratteristiche…ci saranno così le impalpabili luci  azzurre dell’ acqua eterei vapori… e quelle dell’ aria leggere come il vento,fluorescenti come bolle di sapone,oppure della terra ammantate dai colori aurei e argentini, i metalli che la terra produce,e infine, le fate del fuoco,luminosissime dei bagliori delle fiamme.

Nessun commento:

Posta un commento